Come vivrai questa Pasqua?

16/4/2017

Se Pasqua è Resurrezione, Rinascita, forse il solo modo per viverla davvero, in questo tempo di conflitti, è guardare il mondo con gli occhi dei bambini.
Scrive la mia nipotina Yasmin, sette anni e 2 mesi, egiziana e musulmana:

Giovedì e domenica è la festa di Pasqua dei cristiani copti qui che però cade in una bellissima festa che festeggia tutto l'Egitto e che arriva dai Faraoni. Sham El nessim la festa di primavera. Si fanno pic nic e si mangia fisik un pesce puzzolente cotto con il limone ma buonissimo. Gli amici cristiani colorano le uova e poi le regalano agli amici musulmani e noi per dire grazie regaliamo a loro dei dolcetti.

Impariamo a guardare il mondo come fa lei, come fanno loro?
Altrimenti tutte le Messe, le preghiere, le liturgie, non serviranno assolutamente a niente.

Quest'anno allego agli auguri di Pasqua un regalo. E' un racconto che ho scritto qualche tempo fa. Leggerlo e riflettere sui sentimenti che ispira potrebbe aiutarci a capire come viviamo questa Pasqua 2017, se nella sostanza o solo formalmente.

Racconto per Pasqua:
Con occhi di bambina

Sia chiaro che io non pretendo di insegnare nulla a nessuno ma desidero solo fare gli auguri nel modo che sento più genuino, ascoltando un solo e unico messaggio di Gesù: "Amatevi gli uni e gli altri, come io vi ho amati". Un messaggio che penso sia valido per i cristiani ma anche per i credenti di altre religioni e per chi non crede.

Inoltre, come già negli anni scorsi, vi e mi auguro il dono di trovare o di ritrovare una vera fede interiore
e di aprirci alla possibilità di aspirare a un mondo migliore.
Di ritrovare in un tempo a venire
chi abbiam perso e non c'è più.
Di trovare noi stessi e i nostri obiettivi più veri, più puri.
Di vincere lo stress, gli egoismi, la prepotenza e le gelosie insite in ognuno di noi.
Di trovare e dare serenità.
E' un dono che va al di la' dei riti, delle religioni, della simbologia.
Sono convinto, per esperienze della mia vita, che esiste più, molto più, di ciò che i nostri cinque sensi percepiscono...
e che vale la pena imparare (o ricordare) di guardare oltre, sempre!


Gabriele Favrin

Aiutaci a rinascere

Aiutaci a guardare oltre il cancello, oltre la porta, al dolore che qualcuno sta vivendo accanto alla nostra indifferenza o disattenzione.
Aiutami a guardare a tutte le persone che ho attorno, a cogliere i loro dispiaceri, ad aiutarle col cuore mettendo da parte i piccoli egoismi.
Aiutaci a condividere il benessere che abbiamo, perché quello che per noi è poco per altri è tantissimo.
Aiutami a condividere con chi ho attorno i sogni che perseguo, cogliendo e sostenendo le necessità e aspirazioni altrui.
Aiutaci a evitare distinzioni fra uomo e donna, etero e omosessuali e ogni tipo di famiglia: sono tutti tuoi figli amati!
Aiutami a non covare rancore per quelli che le fanno: anche loro sono figli tuoi!
Aiutaci a rispettare le donne come portatrici e curatrici di vita, autonome e libere di scegliere, non mere incubatrici destinate a partorire con dolore.
Aiutami a non covare rancore per quelli che non le rispettano: anche loro sono figli tuoi!
Aiutaci a ricordare che la provenienza, l'aspetto, le idee o la Fede professata non contano: siamo tutti figli dello stesso Dio, che non riusciamo ancora a capiare appieno...
Aiutami a non covare rancore per quelli che non accettano l'"altro": anche loro sono figli tuoi!
Aiutaci a ricordare che se anche noi abbiamo tutto, a un passo da qui e non solo dall'altra parte del mondo, c'è la sofferenza ed è nostro dovere fare qualcosa!
Aiutami a non covare rancore per chi non lo fa: anche loro sono figli tuoi!
Aiutaci a mettere il bene delle nostre comunità davanti ai nostro piccolo orgoglio...
Aiutami a non covare rancore per chi non lo fa: a volte ho agito come loro ed ero convinto di avere ragione.
Aiutaci a dirci "ti voglio bene" al culmine di una lite, non solo di fronte alle tragedie o per le feste comandate...
Aiutami a non covare rancore per chi non lo fa: troppe volte sono stato fra loro.

Aiutaci a ricordare

Donna costretta da fanatici religiosi a nascondersi dietro un burqa

Gesù risorge ogni giorno bambino e supplica il nostro aiuto

Un Angelo -magari la prossima Madre di Gesù- convive con la violenza dei grandi

...e i tanti angeli piccoli e grandi
che questa umanità dimentica, perde, abbandona
o lascia nel loro dolore...

Perché sia davvero e per tutti
Resurrezione!

Fonti delle immagini: donna col burqa, bimbo che supplica aiuto, bimba fra le armi).
Lo sfondo è il paradiso come immaginato dai protagonisti del film "Al di la' dei sogni".